I MAYA AVEVANO RAGIONE

 

Non nel senso della profezia di fine del mondo come i catastrofisti hanno descritto, ma come fine di un ciclo e si ricomincia a contare dall’anno numero uno.

 

Guardo l’esito delle primarie e mi domando che differenza corre tra Bersani e Renzi, a parte l’età, uno è un burocrate e l’altro un cretino rampantista, con il primo si salva qualcosa, con il secondo è come votare Berlusconi, bene che vada, per noi gente comune, il rischio di finire come la vignetta di Scorpion, non è un astrattismo, è una tragica realtà.

 

SCORPION

 

 

squartamento.gif

 

 

http://gustavescorpius.blogspot.com/

 

 

 si vuole applicare in Europa il sistema economico Cinese, schiavismo mascherato da equità sociale.

 

Come ha descritto bene Gustave Scorpius nella vignetta, l’unica crescita che si prospetta è lo squartamento…

 

Rimango dell’idea che abbiamo ancora una scelta, o loro lo fanno a noi o noi lo facciamo a loro…propendo per la seconda ipotesi.

 

Forse anche a destra stanno prendendo atto che sono stati ciullati alla grande, forse e ripeto forse, la gente comune prende atto che gli ideali, le ideologie e le appartenenze politiche, si coltivano alla grande se hai la certezza di un lavoro e uno stipendio che ti consentono di avere la pancia piena e la possibilità di coltivare i tuoi piccoli e pidocchiosi interessi quotidiani.

 

Senza il lavoro e lo stipendio certo, si entra nella massa  gestita dal capolarato che decide chi deve mangiare e chi deve digiunare.

 

Se negli anni 60 avessi avuto la preveggenza di vedere dove saremmo arrivati…col cavolo che mi sarei battuta al punto da mettere assieme 4 denuncie, due occupazioni (fabbrica e università) e una lunga serie di controlli da parte della Digos.

 

Non posso che parafrasare il mio guru musicale

 

“adesso tocca a voi” … da “Riflussi”

 

“potete forse farci rallentare, però non vi crediate sia finita”

 

 

 

I MAYA AVEVANO RAGIONEultima modifica: 2012-11-26T03:16:00+01:00da tina948
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento